Asta N. 727 - III Old Masters Paintings

Asta N. 727 - III Old Masters Paintings

Wednesday 15 June 2022 hours 15:30 (UTC +01:00)
Auction
Live
Lots from 1 to 24 of 249
Show
Cancel
  • di Pietro Giovanni, San Paolo e San Tommaso
    Lot 300

    di Pietro Giovanni

    San Paolo e San Tommaso
    tempera e foglia oro su tavola
    W. 38 - H. 49 Cm

  • di Tommè Luca attribuito a, San Francesco d'Assisi
    Lot 301

    di Tommè Luca attribuito a

    San Francesco d'Assisi
    tempera su tavola a fondo oro
    W. 40 - H. 133 Cm

    Expertise Prof. Mauro Natale, 7 III 2022

    "La grande tavola è stata rifilata lungo i due bordi laterali e privata della cimasa che doveva completarla nella parte superiore. Come dimostrano le impronte di due traverse orizzontali segnate sul retro, faceva parte di un polittico di cui ancora non sono stati identificati altri elementi; la posizione del santo dimostra che esso era collocato a sinistra dell’immagine principale., , Il dipinto raffigura san Francesco contraddistinto dalle stigmate nelle mani e nel costato, che il santo mostra sollevando un lembo del saio grigio, abito tipico dei monaci dell’ordine mendicante da lui stesso fondato. L’aureola che cinge il capo del santo è in parte occultata dalla doratura posticcia, applicata su quella d’origine probabilmente nel corso del secolo XIX, allorché l’innesto della cuspide venne mascherato con un ridipintura di colore scuro che delinea un arco a tutto sesto, forse nell’intento di “modernizzare” in senso rinascimentale il carattere del quadro., , Nonostante questo intervento, la superficie pittorica è conservata in modo molto soddisfacente e rivela quella “insuperabile solidità e nitidezza” (Federico Zeri, Sul problema di Nicolò Tegliacci e Luca di Tomè (Paragone”, 105, 1958), in Giorno per giorno… 1991, p. 80) che contraddistingue gli inizi del pittore senese Luca di Tommé, maturati nell’orbita delle opere tarde di Pietro Lorenzetti. , , Esaminando e ricomponendo il polittico con la Madonna in trono con il Bambino, angeli e i santi Giovanni Battista, Tommaso, Benedetto e Stefano della Pinacoteca Nazionale di Siena (inv. 51: Sherwood A.Fehm Jr,. Luca di Tommé. A Sienese Fourtheenth-Century Painter, Southern Illinois University Press, Carbondale 1986, pp. 76-83, cat. 11), firmato congiuntamente da Niccolò di ser Sozzo Tegliacci e da Luca di Tommé nel 1362, Federico Zeri ((1958) 1991, pp. 79-82) ha acutamente distinto le mani dei due artisti; lo storico dell’arte ha inoltre puntualizzato come elementi caratteristici del linguaggio di Luca di Tommé “la insistita severità iconica; la preferenza per modi di abbreviazione formale e narrativa; la tendenza a risolvere l’immagine con mezzi essenzialmente lineari, e con un’accentuazione quasi neo-bizantina dei rapporti fra figure e fondo astratto” (Zeri ((1958) 1991, p. 85). [...]

  • Pere Nicolau seguace di, L'Ultima Cena e la Cattura di Cristo nel Getsemani
    Lot 302

    Pere Nicolau seguace di

    L'Ultima Cena e la Cattura di Cristo nel Getsemani, scomparto di un polittico
    tempera su tavola a fondo oro e pastiglia
    W. 120 - H. 88 Cm

    Expertise Aldo Bertini, 10 VII 1959 (“opera indubbia di un Maestro catalano del primo quarto del secolo XV”; affine per stile a Ramon de Mur e a Juan Mates), Expertise Prof. Mauro Natale, 2 III 2022, "Questo dipinto è stato eseguito su cinque tavole di ineguale altezza giunte orizzontalmente, consolidate sul retro da quattro traverse verticali applicate tramite viti in tempi relativamente recenti. Questo consolidamento invasivo e improprio ha provocato alcune fratture del supporto che si sono ripercosse sulla superficie dipinta. Antiche cadute di colore lungo le linee di congiunzione delle tavole sono state mascherate in passato con stuccature e con estese ridipinture che alterano la qualità figurativa del dipinto e ne rendono difficile la decifrazione stilistica. Nonostante questa situazione compromessa, l’opera conserva parte dell’antica cornice polilobata e, intatta, la bella doratura del fondo decorata a fiorami incisi a punzone. , , Nel primo dei due scomparti è raffigurata l’Ultima Cena in cui, a causa delle dimensioni ridotte dello spazio, compare solo una parte degli Apostoli: davanti a Cristo, coricato sul tavolo su cui è stata consumata la cena, si riconosce san Giovanni Evangelista, e in primo piano, al di là della mensa, Giuda Iscariota che mostra la borsa con i denari del tradimento. Il secondo scomparto rappresenta l’Arresto di Cristo nel Getsemani con il bacio di Giuda e in primo piano l’apostolo Pietro che taglia l’orecchio di Malco, un servo del sommo sacerdote Caifa (Giovanni 18; 10-11). I due episodi dovevano fare parte in origine di una predella dedicata alla Passione di Cristo le cui ragguardevoli dimensioni corrispondono ad un tipo di arredo liturgico (“banco”) diffuso nei territori della Corona d’Aragona tra l’ultimo quarto del Trecento e la fine del secolo seguente (su questo tema: Judith Berg Sobré, Behind the Altar Table. The Development of the Painted Retable in Spain, 1350-1500, University of Missouri Press, Columbia 1989, pp. 75-132). [...]

  • Borrassà Lluís seguace di, San Giovanni Battista e San Giovanni Evangelista
    Lot 303

    Borrassà Lluís seguace di

    San Giovanni Battista e San Giovanni Evangelista
    tempera su tavola a fondo oro
    W. 85 - H. 123 Cm

    Expertise Aldo Bertini, 10 V 1968 (“opera rara e significativa di scuola catalana, del primo decennio del Quattrocento all’incirca, nella stretta cerchia di Lluis Borrassà”. Pubblicata da J.Gudiol Ricart nel 1953 come opera di “un ignorato momento giovanile dello stesso Borrassà”), Expertise Prof. Mauro Natale, 2 III 2022, , , Monastero Reale di Santes Creus (Aiguamúrcia, Alt Camp, Catalogna) ?, Collezione Jaume Vilallonga, Barcellona (1905), Collezione privata, Berlino ?, Collezione Alfred P.Sloan Jr., New York (dal 1941 circa), Torino-Venezia, Filippo Giordano delle Lanze (prima del 1968), Collezione privata, Biella (dal 1968), , “Ilustració catalana”, III, 1905, 108, 25 giugno, riprodotto in frontespizio (“Sant Joan….. Retaule gòtich del segle XV que’s creu procedent del Real Monestir de Santes Creus. De la colecció de D.Jaume Vilallonga”)(Fig. 1), , Chandler Rathfon Post, A History of Spanish Painting, VI/2, Harvard University Press, Cambridge, Mass. 1935, p. 530 nota 2 (pannello passato più volte di mano come opera catalana o aragonese, da riferire “to the circle of Ferrer Bassa’s immediate successor or to the following of the Serras”: foto Mas, n. 3329C), , Chandler Rathfon Post, A History of Spanish Painting, VIII/2, Harvard University Press, Cambridge, Mass. 1941, p. 570, fig. 265 (al Rubió Master il pannello con i Due san Giovanni detto provenire dal monastero di Santes Creus, già presso Vilallonga a Barcellona e ora presso Alfred P.Sloan Jr. a New York: il Precursore riproduce il volto del soldato nel Cristo innanzi a Caifa del Museo di Vich; il volto dell’Evangelista è identico a quello di Luciano dormiente nel pannello della collezione Junyent; inoltre tipica del pittore è la resa delle mani e dei piedi), , Chandler Rathfon Post, A History of Spanish Painting, XI, Harvard University Press, Cambridge, Mass. 1953, p. 376 (vuole ora essere meno dogmatico: “and yet the Sloan picture is extremely similar in style to the Rubio Master achievements, and I have still to find another painter of the time to whom it can be so reasonably allocated.”), José Gudiol Ricart, Borrassà, Barcelona 1953, pp. 44-45, 103, fig. 16 (“Anda por el mundo una tabla que se dice procedente del monasterio de Santas Creus, de indudable origen catalán”; non condivide l’attribuzione di Post, VIII/2, p. 579 al Maestro di Rubió; è da collocare nella tendenza del gotico internazionale e da datare all’ultimo decennio del XIV. Probabile opera del giovane Boccassà)

  • Scuola italiana del XV secolo Sacra conversazione con la Madonna, il Bambino e sei santi
    Lot 304

    Scuola italiana del XV secolo

    Sacra conversazione con la Madonna, il Bambino e sei santi
    tempera su tavola a fondo oro
    W. 45,5 - H. 40 Cm

  • Scuola del XVI secolo Madonna con Bambino, San Giovannino, Santo Stefano, un santo e un giovane devoto
    Lot 305

    Scuola del XVI secolo

    Madonna con Bambino, San Giovannino, Santo Stefano, un santo e un giovane devoto, trittico
    olio su tavola
    W. 119 - H. 66 Cm

  • Forte (o Forti) Jacopo (o Giacomo), Ritratto di Lodovico Dolfi
    Lot 306

    Forte (o Forti) Jacopo (o Giacomo)

    Ritratto di Lodovico Dolfi

    iscrizioni:, "OPUS FORTIS BONONIENSIS 1483" (recto), "LUD . DULLH" (verso)

    Opera notificata secondo il decreto ministeriale del 22 III 1960 (sottoscritto dal Soprintendente alle Gallerie di Bologna Cesare Gnudi e indirizzato al conte Girolamo De Bosdari, San Lazzaro in Savena), reiterato il 18 VII 1990 (controfirmato dal Soprintendente alle Gallerie di Bologna Andrea Emiliani), Work declared of particularly important historical and artistic interest, it is subject to constraint by the Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio (Italian National Heritage) so it cannot be exported out of Italy.

    Expertise Prof. Mauro Natale, 2 III 2022, Bologna, Lodovico Dolfi, Bologna, Maria Diamante Dolfi, sposa del marchese Benedetto Ratta (per eredità, nel 1773), Bologna, famiglia Ratta (per eredità, nel 1805 si estingue la famiglia Dolfi), Bologna, marchese Nicolò Scarani (1836 circa), San Lazzaro di Savena, conte Filippo De Bosdari (1948 circa), Milano, Finarte (?) 1963, Collezione privata, Biella (dal 1964), , Antonio di Paolo Masini, Bologna perlustrata, Bologna 1666, p. 623 (“1483. Giacomo Forti molto bene dipinse il Ritratto di Lodovico Dolfi, la cui Famiglia tuttavia lo conserva.”), , Pompeo Scipione Dolfi, Cronologia delle famiglie nobili di Bologna, Bologna 1670, p. 283 (1502. Lodovico Dolfi di Gabriele, “leggeva nel Studio di Bologna”, 1513-1515), p. 284 (“ il suo ritratto come ben dipinto è notato nella Bologna Perlust. da Antonio di Paolo Masini”.), , Carlo Cesare Malvasia, Felsina pittrice. Vite de’ pittor bolognesi, I, Bologna 1678, p. 35 (tra gli allievi di Marco Zoppo “il già detto Giacomo Forti, che lavorò molto in compagnia del maestro, e sù i muri, non altrove lasciandoci vedere il suo nome, che in un ritratto picciolo in tavola, che conservano ancora presso di loro i signori Dolfi, d’un Lodovico di quella Casa, con queste parole: Opus Fortis Bononiensi [sic] 1483, e l’istesso in un simile di Lippo Dalmasio presso di noi, e dal quale si è ricavato il qui anteposto alla Vita”) [...]

  • Scuola toscana del XVI secolo Ritratto del cardinale Ferdinando I de' Medici
    Lot 307

    Scuola toscana del XVI secolo

    Ritratto del cardinale Ferdinando I de' Medici
    olio su tavola
    W. 51 - H. 66 Cm

    iscritto lungo il margine superiore

  • Scuola toscana del XVI secolo Ritratto di Cristina di Lorena
    Lot 308

    Scuola toscana del XVI secolo

    Ritratto di Cristina di Lorena
    olio su tavola
    W. 51 - H. 66 Cm

    iscritto lungo il margine superiore

  • Scuola toscana del XVI secolo Ritratto del cardinale Nicola Rodolfo
    Lot 309

    Scuola toscana del XVI secolo

    Ritratto del cardinale Nicola Rodolfo
    olio su tavola
    W. 51 - H. 66 Cm

    iscritto lungo il margine superiore

  • Ramenghi Giovanni Battista, Adorazione dei pastori
    Lot 310

    Ramenghi Giovanni Battista

    Adorazione dei pastori
    olio su rame
    W. 34 - H. 51 Cm

    La Bottega di San Luca, Torino,
    Collezione Privata, Torino

    G. Manni, E. Negro e M. Pirondini, Arte emiliana - dalle raccolte storiche al nuovo collezionismo, Banca Popolare dell'Emilia, 1989

  • Scuola di Fontainebleau (Francia, XVI secolo) Diana e Atteone
    Lot 311

    Scuola di Fontainebleau (Francia, XVI secolo)

    Diana e Atteone
    olio su alabastro
    W. 30 - H. 24,5 Cm

  • van Aelst Pieter Coecke bottega di, L'Adorazione dei Magi
    Lot 312

    van Aelst Pieter Coecke bottega di

    L'Adorazione dei Magi, trittico
    olio su tavola
    W. 120 - H. 83 Cm

  • van Aelst Pieter Coecke bottega di, Adorazione dei Magi, Annunciazione e Adorazione del Bambino
    Lot 313

    van Aelst Pieter Coecke bottega di

    Adorazione dei Magi, Annunciazione e Adorazione del Bambino, trittico
    olio su tavola
    W. 139 - H. 99 Cm

  • Scuola di Anversa, XVI secolo Madonna in trono con Bambino in un interno
    Lot 314

    Scuola di Anversa, XVI secolo

    Madonna in trono con Bambino in un interno
    olio su tavola
    W. 72,5 - H. 92,5 Cm

  • Scuola italiana del XVI secolo San Sebastiano
    Lot 315

    Scuola italiana del XVI secolo

    San Sebastiano
    olio su tavola
    W. 75 - H. 100 Cm

    al retro reca antica attribuzione a Giovanni Antonio Bazzi detto il Sodoma

  • Allori Cristofano attribuito a, Maddalena penitente
    Lot 316

    Allori Cristofano attribuito a

    Maddalena penitente
    olio su tela
    W. 65 - H. 72 Cm

  • De Magistris Simone, La Vergine, Maria Maddalena e San Giovanni ai piedi della croce
    Lot 317

    De Magistris Simone

    La Vergine, Maria Maddalena e San Giovanni ai piedi della croce
    olio su tela
    W. 152 - H. 212 Cm

    iscritto in basso a sinistra, in cornice dorata antica

  • Caliari Paolo bottega di, Sacra Famiglia con San Giovannino e Santa Caterina
    Lot 318

    Caliari Paolo bottega di

    Sacra Famiglia con San Giovannino e Santa Caterina
    olio su tela
    W. 154 - H. 113 Cm

    Expertise Dott. Dino Brandi
    L'opera autografa realizzata dall'artista è attualmente conservata presso la Galleria degli Uffizi a Firenze

  • Bonvicino Alessandro ambito di, Adorazione del Bambino
    Lot 319

    Bonvicino Alessandro ambito di

    Adorazione del Bambino
    olio su tela
    W. 77 - H. 82 Cm

    Expertise Dott. Dino Brandi, 1962

  • Albertinelli Mariotto, Madonna col Bambino e San Giovannino
    Lot 320

    Albertinelli Mariotto

    Madonna col Bambino e San Giovannino
    olio su tavola
    W. 96 - H. 119 Cm

    Expertise Dott.ssa Mina Gregori, "Quest'opera si collega strettamente all'arte di Fra Bartolomeo e rappresenta l'ultimo stile di Mariotto Albertinelli, quando lavorava in società (o compagnia) con il frate prima della morte. , La composizione è una variante di numerosi esemplari e studi nei quali Fra Bartolomeo e Albertinelli hanno interpretato il motivo della Madonna col Bambino in relazione con gli invisibili devoti. Il gesto del Bambino benedicente si trova nelle pale eseguite dai due pittori per la chiesa di Santa Caterina di Pisa del 1511 e per l'altare Ferry Carandolet della cattedrale di Besançon. (...) , Lo stile dell'opera, l'ampiezza compositiva, sottolineata dall'andamento del manto della Madonna, e la morbidezza degli incarnati confermano l'esecuzione nell'ultimo periodo di Mariotto, cioè nella prima metà del secondo decennio del Cinquecento."

    L'opera si trova in regime di Temporanea Importazione

  • Bassano Gerolamo attribuito a, La fucina di Vulcano
    Lot 321

    Bassano Gerolamo attribuito a

    La fucina di Vulcano, reca al retro etichetta di provenienza
    olio su tela
    W. 128 - H. 94 Cm

    Expertise Prof. Giorgio Fossaluzza, "Tra le fortunate serie di dipinti formate da quattro soggetti che caratterizzano per novità la produzione di Jacopo Bassano, coadiuvato dai figli negli anni Settanta e Ottanta del Cinquecento, si annovera quella dedicata ai Quattro Elementi (Terra, Aria, Acqua e Fuoco). Anch'essa fu destinata ad essere replicata nel prosieguo degli anni con alternanza dei collaboratori. , Entro la fase che vede ancora intervenire Jacopo si classificano almeno tre serie dei Quattro Elementi, nessuna delle quali ci è giunta completa. Della prima seguita, in ordine di tempo, faceva parte L'Aria già a Berlino, Kaiser Friedrich Museum n. 1956 (dipinto distrutto nel 1945), della seconda si conosce La Terra, assegnata a Leandro della Walters Art Gallery di Baltimora, n. 37.2363 (Zeri,1976, I, pp. 409-410 cat. 281), della terza fa parte L'Acqua e Il Fuoco del The John and Mable Ringling Museum of Art di Sarasota, nn. 86, 87 (Arslan, 1960, II, figg. 215-216). , Il dipinto qui illustrato, in assenza della versione appartenente alle prime due serie, deve ovviamente essere riferito all'esemplare di quest'ultima serie datata convincentemente al 1584-1585 (Rearick, 1992, pp. CLXXX, 187-190)., Prima di entrare in dettagli circa i caratteri stilistici, sul piano iconografico si deve osservare come manchi nel dipinto in oggetto la porzione superiore con al centro la raffigurazione del carro del fuoco. L'esclusione della componente allegorica lascia intendere che la serie di cui esso faceva parte vedeva privilegiata la dimensione ‘di genere’. (…)”

  • Da Ponte Jacopo, Cristo deriso
    Lot 322

    Da Ponte Jacopo

    Cristo deriso
    olio su tela
    W. 176 - H. 115 Cm

  • Bassano Francesco, La nascita della Vergine
    Lot 323

    Bassano Francesco

    La nascita della Vergine
    olio su tela
    W. 95 - H. 111,5 Cm

Lots from 1 to 24 of 249
Show
×

Asta N. 727 - III Old Masters Paintings

Sessions

  • 15 June 2022 hours 15:30 Sessione Unica (300 - 549)

Bidding increments

  • from0to320increment of20
  • from320to380increment of30
  • from380to420increment of20
  • from420to480increment of30
  • from480to500increment of20
  • from500to1000increment of50
  • from1000to2000increment of100
  • from2000to3200increment of200
  • from3200to3800increment of300
  • from3800to4200increment of200
  • from4200to4800increment of300
  • from4800to5000increment of200
  • from5000to10000increment of500
  • from10000to20000increment of1000
  • from20000to32000increment of2000
  • from32000to38000increment of3000
  • from38000to42000increment of2000
  • from42000to48000increment of3000
  • from48000to50000increment of2000
  • from50000to100000increment of5000
  • from100000to200000increment of10000
  • from200000to320000increment of20000
  • from320000to380000increment of30000
  • from380000to420000increment of20000
  • from420000to480000increment of30000
  • from480000to500000increment of20000
  • from500000to1000000increment of50000
  • from1000000to2000000increment of100000
  • from2000000to3200000increment of200000
  • from3200000to infiniteincrement of200000