Lotto 67 | Alchimia - Magnetismo - Kircher, Athanasius - Magneticum naturae regnum sive disceptatio physiologica de triplici in Natura rerum Magnete

Finarte - Via Paolo Sarpi 6, 20154 Milano
Libri, Autografi e Stampe Libri, Autografi e Stampe - Sessione 1
giovedì 25 novembre 2021 ore 15:00 (UTC +01:00)

Alchimia - Magnetismo - Kircher, Athanasius - Magneticum naturae regnum sive disceptatio physiologica de triplici in Natura rerum Magnete

Alchimia - Magnetismo - Kircher, Athanasius - Magneticum naturae regnum sive disceptatio physiologica de triplici in Natura rerum Magnete

Amsterdam, Johannes Jansson à Waesberge & Veuve Elizée Weyerstraet, s.d. [vers 1667-1669]. In 12°. Bella antiporta calcografica, lavoro di tarlo al margine bianco inferiore dei primi tre fascicoli, lievi fioriture, qualche carta leggermente brunita, legatura coeva in pergamena, foro di tarlo al piatto anteriore, lievi difetti.

NOTE

Edizione rara, stampata nello stesso anno della prima, pubblicata a Roma da Ignazio Lazzari. Il trattato si concentra sul magnetismo in natura ma anche sul ruolo che riveste nella vita relazionale e sentimentale degli esseri umani, che agiscono in base al principio di attrazione e repulsione. Secondo Kircher il magnetismo risiede nel cuore della maggior parte dei fenomeni naturali e ne permette la più profonda comprensione.  

Erudito gesuita ed eccezionale rappresentante dell'enciclopedismo seicentesco, Athanasius Kircher (Geisa 1602 -Roma 1680) si dedicò allo studio degli argomenti più disparati spaziando dalla matematica alla musica, dalle civiltà esotiche alla geologia, dall’interpretazione dei geroglifici egiziani all’ottica, al magnetismo, alla microbiologia, alla tecnologia. Gli eclettici interessi lo condussero a collezionare reperti di arte classica, cristiana, orientale e della civiltà dell’America meridionale: le sue ricche raccolte costituirono nel Collegio Romano il Museo Kircheriano. Paragonato a Leonardo Da Vinci, pubblicò numerose opere relative ai vari campi di interesse che gli valsero fama europea. Il suo cuore è tuttora conservato presso il santuario della Mentorella