italiano|english
User: Pass: Accedi         MyArsValue       Registrati       Acquista i servizi
Ars Value

Gian Emilio Malerba

(Milano 1880 - 1926)
Aggiungi ai preferiti
per essere informato gratuitamente sulle opere proposte nelle Vendite online, in Asta, in Galleria e negli Atelier

Opere a disposizione

I prezzi e le analisi

(I dati si riferiscono al mercato italiano delle aste)

In sintesi

(I dati si riferiscono al mercato italiano delle aste)
Liquidità:

Volatilità:

Trend di breve:

Trend di medio:

Trend di lungo:


Richiedi una stima
- Hai un'opera di Gian Emilio Malerba
  Inseriscila nella tua collezione online


Storia dell'arte

Opere di Gian Emilio Malerba


Opere in vendita online


Nelle vendite online (servizio Vendite online)  non sono attualmente presenti opere dell'artista Gian Emilio Malerba

Opere nelle aste


Nei cataloghi delle aste (servizio Aste) non sono attualmente presenti opere dell'artista Gian Emilio Malerba

Opere nelle gallerie


Nelle gallerie d'arte presenti su ArsValue.com (servizio Gallerie) non sono attualmente presenti opere dell'artista Gian Emilio Malerba

Opere nell'atelier


Negli atelier presenti su ArsValue.com  (servizio Atelier) non sono attualmente presenti opere dell'artista Gian Emilio Malerba

Opere in archivio


Negli archivi presenti su ArsValue.com  (servizio Archivio) non sono attualmente presenti opere dell'artista Gian Emilio Malerba

Opere nelle fiere


Nelle fiere presenti su ArsValue.com  (servizio Eventi) non sono attualmente presenti opere dell'artista Gian Emilio Malerba


Biografia di Gian Emilio Malerba

Dopo gli studi ai corsi di Mentessi e Tallone all'Accademia di Brera, si diploma Premio Fumagalli. Esordisce all'Esposizione di Brera del 1906. Soggiorna a Parigi ma l'impostazione delle sue figure che s'inseriscono nello sfondo senza soluzione di continuità e l'accurata scelta di gamme cromatiche luminose attorno a toni pastello ocra gialli e rosa, si riferisce alla lezione di Cremona e Ranzoni. Il primo nucleo importante di opere testimonia dunque l'ambito di formazione dell'artista in seno alla Scapigliatura lombarda dal quale clima Malerba deriva precocemente esiti di elegante qualità per una concezione del colore come riempimento della forma. Ottiene nel 1913 il Premio Canonica. Nel 1914 una sua opera entra nelle Collezioni sabaude. Nel 1916 conquista la medaglia d'oro del Ministero della Pubblica Istruzione. Non lo tocca la stagione futurista Mentre si infittisce la sua attività disegnativa, sempre assai curata, le composizioni evolvono in forme più salde e nitidamente costruite, negli anni a seguire, fino al 1921. Espone nel 1923 alla mostra "Arte contemporanea italiana" alla Galleria Pesaro il dipinto La collegiale, acquistato dalla Galleria d'arte moderna di Lima. La sua poetica precorre il "Realismo magico" già dai primi anni venti: fondamentali sono dipinti come 'Femmina volgo' del 1920 e 'Maschere' del 1922, esposto alla XIII Biennale di Venezia e oggi alla Galleria d'arte moderna di Roma. Nella sua pittura si accentua decisamente il taglio fotografico e si impone la monumentalità dell'icona attutita dalla tipica rarefazione atmosferica. Nel 1922 Malerba è tra i fondatori del gruppo di "Novecento" a Milano e nel 1923 espone col gruppo alla Galleria Pesaro. Si dimette dopo la Biennale di Venezia del 1924 ma partecipa alla mostra di "Venti artisti italiani" presentata da Ojetti alla Pesaro. L'artista scompare quarantaseienne a Milano mentre si preparava a partecipare alla "Prima Mostra del Novecento Italiano" alla Società per le Belle Arti ed Esposizione Permanente di Milano. Nel 1927 è ricordato alla Galleria Pesaro "Mostra individuale del pittore Ubaldo Oppi, dello scultore Italo Griselli e mostra postuma del pittore Emilio Malerba", con testo di R.Calzini e con una monografia presentata da E.Somarè nella collana "Arte moderna italiana" per le edizioni del Milione. È inserito nella rassegna "Pittura italiana moderna" al Kunsthaus di Zurigo nello stesso anno. Di G.Nicodemi il Catalogo della mostra postuma di Emilio Malerba alla Galleria del Milione, Milano, nell'aprile-maggio 1927; di E.Somarè uno scritto in "Arte moderna italiana", 1927. Bibliografia: A.Auregli in 'La Metafisica: gli anni Venti, catalogo mostra, Bologna 1980; M.Lorandi in 'Il Novecento italiano 1923-1933', catalogo mostra, Milano 1983.


© ArsValue 2000-2016 - Tutti i diritti sono riservati. ArsValue.com è un marchio di ArsValue S.r.l. - P.I. 01252700057
Cultura: it-it
Numero righe banner: 1
SezionaAttiva Alta: Banner3
SezionaAttiva Bassa: NonDefinita
TipoLayoutDueRighe: Free