italiano|english
User : Pass : Accedi 
MyArsValue  |   Registrati  |   Acquista i servizi
Ars Value

Francesco Arena

Aggiungi ai preferiti
per essere informato gratuitamente sulle opere proposte nelle Vendite online, in Asta, in Galleria e negli Atelier
Sei tu Francesco Arena ?
Vuoi gestire questa pagina con le tue opere
e la tua biografia?

Vedi la demo

Opere a disposizione

I prezzi e le analisi

(I dati si riferiscono al mercato italiano delle aste)

In sintesi

(I dati si riferiscono al mercato italiano delle aste)
Liquidità:

Volatilità:

Trend di breve:

Trend di medio:

Trend di lungo:


Richiedi una stima
- Hai un'opera di Francesco Arena
  Inseriscila nella tua collezione online


Storia dell'arte

Opere di Francesco Arena


Opere in vendita online


Nelle vendite online (servizio Vendite online)  non sono attualmente presenti opere dell'artista Francesco Arena

Opere nelle aste


Nei cataloghi delle aste (servizio Aste) non sono attualmente presenti opere dell'artista Francesco Arena

Opere nelle gallerie


Nelle gallerie d'arte presenti su ArsValue.com (servizio Gallerie) non sono attualmente presenti opere dell'artista Francesco Arena

Opere nell'atelier


Negli atelier presenti su ArsValue.com  (servizio Atelier) non sono attualmente presenti opere dell'artista Francesco Arena

Opere in archivio


Negli archivi presenti su ArsValue.com  (servizio Archivio) non sono attualmente presenti opere dell'artista Francesco Arena

Opere nelle fiere


Nelle fiere presenti su ArsValue.com  (servizio Eventi) non sono attualmente presenti opere dell'artista Francesco Arena


Biografia di Francesco Arena

Nasce nel 1966 a Genova dove vive e lavora attualmente (oltre che a Milano e Torino).
1984 - Termina il Liceo artistico N. Barabino di Genova.
1989 - Finisce l'Accademia Ligustica di Belle Arti di Genova. Cominciano i primi interessi per la fotografia professionale e il video.
1986 - Primi lavori fotografici e serie in b/n; comincia una ricerca sul corpo (che prosegue attualmente con altri mezzi) e sulle sue ambiguità cromatiche e visive. Nascono le serie fotografiche in grande formato, come "TRACCE DI NOTIZIE", "VEROSIMIGLIANZE" e "FOTOGRAFIE", che mettono tutte in discussione la veridicità dell'apparenza.
Faranno tutte parti in seguito di personali o collettive in Italia. Primi contatti con gallerie d'Arte private e pubbliche nonché spazi espositivi alternativi a Genova e in altre città (Sibaria Opendoks-GE o Caffè Voltaire-FI).
1987/88 - Prime personali di fotografia a Genova, Roma, Vercelli, Bresia; nasce una collaborazione con Ken Damy Photogallery e le sue gallerie italiane e straniere e la Polaroid Italia cui seguono collettive a Boston e in altre citta europee.
1989/91 - Nasce l'interesse per l'eliminazione della bidimensionalità dell'immagine fotografica a favore di un'analisi totale dello spazio dell'opera. Pur mantenendo la fotografia tra i materiali usati, questa è riversata su acciaio, plexiglas, vetro e ferro e si confronta con oggetti d'uso comune decontestualizzandoli e dando vita a combinate sculture oggettuali alle quali si affianca anche il video. Nascono progetti e installazioni come "NEOGRIGIO" o "INTERAZIONI-TOTEM" in collaborazione con altri artisti e cominciano a scrivere sul suo lavoro critici come E.Cirone; V.Conti; S.Ricaldone; F.Rosso ed E.Marasco.
Tra le prime personali, "PORZIONI MODULARI" a cura di V.Fagone;M.Vescovo; J.Gerighausen dalla galleria Leonardi V-IDEA a Genova.
Formazione di un gruppo di lavoro: ARTE COME EVOCAZIONE; insieme con C.Costa e M.Cristaldi (oltre ad A.Spalluto; G.Norese; L.Agostini; C.Cantono) che nell'arco di un anno produce cinque cataloghi di documentazione degli eventi effettuati e otto interventi multimediali in tutta Italia in spazi non adibiti all'arte, come fabbriche, stalle, tipografie, cartiere, manicomi psichiatrici e in gallerie private, collaborando anche tra gli altri con artisti come Getulio Alviani, Franco Vaccari e così via.
1992/93 - Co-fondatore di un secondo gruppo, "ACE", formato a Torino nel 1992 (e sciolto nel 1997/98), che si occupa di tutti gli aspetti "sociali" associati all'Arte e i sistemi di diffusione delle informazioni, un'attività artistica di gruppo parallela a quella individuale, che ha per scopo l'estensione territoriale del sistema dell'arte; ha sviluppato progetti in collaborazione con artisti, professionisti e istituzioni (Salone del Libro di Torino, Amnesty International, Regione Piemonte. Castello di Rivara, Rivara (TO) 1994.
Viafarini, Milano 1993. Regione Piemonte, Torino 1994. Car TV, Zurich 1994. Festival Cinema Giovani, Torino 1994. Care of, Cusano Milanino (MI) 1995. Messe 2ok, Koln 1995. Arte Video TV, Rassegna video, Palazzo Sanguinetti, Bologna (a cura di A.Borgogelli, M.Giusti e S.Grandi) (mostra itinerante: Museo Revoltella, Trieste; Istituto Italiano di Cultura, Paris; Video Vision 95, Galerie im Rathaus, Munchen; Fuori Orario e Blobcartoon, RAITRE).
Seguono mostre di gruppo a Milano,Sacro Monte di Varallo, Genova, Roma; personali a Milano, Roma, Torino a cura di M.Senaldi; E.Missiroli; P.Diecidue; G.Toderi; M.Dall'Olio; e I.Mulatero. Il suo lavoro è presentato all'edizione di "SPLENDENTE", penultima della serie di appuntamenti annuali al Castello di Volpaia a cura di Luciano Pistoi. Il lavoro è stabilizzato sui binari di una ricerca delle "ambiguità dei linguaggi", degli oggetti che ci circondano e dei nostri sentimenti; ricerca che si manifesta chiaramente in installazioni come "OLTRE", "ATTRAVERSO", "BERSAGLI".
Recensioni su numerose riviste di fotografia e d'arte come ZOOM; Photo; Juliet; Flash Art.
1994/95 - Continuano i progetti con ACE come: "STORY", "TANDEM", "SOUVENIR","MARKET", "EUROPE" a Torino; Grangesis; Milano; Colonia e Monaco. Collaborazioni con gruppi di analoga concezione artistica come MALA ARTI VISIVE, VEGETALI IGNOTI, MUSEO TEO, NAME DIFFUSION in Italia e all'estero. Partecipa a collettive quali "ARS LUX" a cura di S.Grandi, su invito di M.Senaldi, che abbraccia tutta l'Italia; "EQUINOZIO D'AUTUNNO2 al Castello di Rivara, a cura di Franz Paludetto; "Fax Art", a cura di L.Pratesi; "ARTE VIDEO TV", trasmessa anche a Fuoriorario su RAI 3; "LOOK TO THE SEA", a cura di C.Benini e galleria Neon di Bologna; "MESSE 2 OK" a Colonia e "ZUCKER" a Monaco. Personali a Bologna (53), Genova (Alterità), Torino (Sculture all'Aperto 95). Organizza mostre come: "PER PRESA VISIONE"; "MUSEO TEO A GENOVA"; "CITTA' AD ARTE", dove, oltre a dibattiti e discussioni sul tema dell'Arte e i rapporti con la città, sono invitati artisti di tutta Italia che non avevano mai esposto a Genova.
Vine presentato in diversi cataloghi d'Arte contemporanea, tra cui "NUOVA SCENA" edito da Mondadori, segnalato da G.Perrella e L.Beatrice.
1996 - Continuano le collaborazioni con gruppi stranieri insieme con ACE; "COMPARTMENT" a Copenhagen, cui seguiranno altri progetti. Collettive a Trieste, Roma, Genova, Varese, Milano. Comincia il lavoro di documentazione per costruire siti internet di carattere informativo e creativo (mostre, eventi). Realizza lavori come "AUTOBIOGRAFICA", "IN PERFETTA SOLITUDINE", che anticipano l'interesse attuale dell'autore verso tematiche apparentemente introspettive ma rivolte in realtà alle problematiche della comunicazione sociale e ai rapporti interpersonali tra gli individui. Si manifesta nuovamente l'interesse per il corpo e per i suoi contenuti, avendone già analizzato le ambigue caratteristiche "superficiali".
1997/99 - In "STILL LIFE FOR LIFELIKE PEOPLE", una nuova serie composta di lavori fotografici di grandi dimensioni, si allude ad immagini pubblicitarie, sia per la loro costruzione tecnica che per il linguaggio usati per realizzarli, un tentativo di formulazione di un nuovo linguaggio che sottendendo le sue matrici "popolari" arrivi più direttamente allo scopo aggirando i codici intellettuali dell'arte; "è pubblicizzato un pensiero, rappresentato un sentimento". Partecipa con questi lavori tra le altre a mostre come SEX alla galleria Banchi Nuovi di roma; BLUE - spazio libero per l'arte, c/o Cineplex al Porto Antico - Genova; Atlante,"Geografia e storia della giovane arte italiana" a Sassari; Quotidiana-sull'oggetto,Civica Galleria d'Arte di Padova.
Parallelamente continua l'interesse per le produzioni video e la frequentazione di manifestazioni nazionali ed internazionali che si occupano di questo settore (Alpe Adria Cinema, IX Edizione a Trieste; AAVV E' UNA MODESTA PROPOSTA, rassegna di arte in video a Rovereto; NORD-SUD a Chiasso, a cura di IFDVIF Video; EXPERIMENTAL, video festival a Zurigo).
Cominciano le prime performance in manifestazioni come GAME alla Galleria D'arte Moderna di Bologna nel 98 e CROSSOVER al Teatro Chiasso (CH) nel 99.
2000/02 - Nascono nuove serie fotografiche che si affiancano alle precedenti come gli scatti vintage "EMERGENCY OF BEAUTY", polaroid "image system", cm 9 x 7, una serie di polaroid e fotografie di grande formato che raggruppa e confronta tra di loro particolari anatomici di bocche, mani, occhi, espressioni che isolati e colti nel loro particolare evocano rimandi ad atti ed emotività legate all'iconografia pornografica più spinta; oppure la nuova serie di video "LUOGHI DI TEMPO" che segnano il definitivo abbandono della sceneggiatura e della "storia" per recuperare la ripresa live in diretta, non esistono copie ma solo lunghe sequenze mai riversate.
Partecipa a diverse rassegne come VIA CRUCIS 2000, Museo di San Agostino di Genova e GLOBE LA TORRE DI BABELE, Museo d'Arte Contemporanea di Genova e ITALIAN CONNECTION a Berna.


© ArsValue 2000-2013 - Tutti i diritti sono riservati. ArsValue.com è un marchio di ArsValue S.r.l. - P.I. 01252700057
Cultura: it-it
Numero righe banner: 2
SezionaAttiva Alta: Banner3
SezionaAttiva Bassa: Banner4
TipoLayoutDueRighe: Free